Le antichità di una antichissima città come Roma non sono per me mai pretesto per una escursione di nostalgie archeologiche, ma piuttosto i luoghi di una idealità atemporale, testimoni evocati per ricostruire un sogno che è aldilà della memoria storica, spazio immanente dove tutto è sospeso, in attesa.


Attesa per incontrare Bellezza e Armonia in un'ora indefinibile che è insieme alba e tramonto, crepuscolo che respira la dolcezza e il tepore di colori autunnali.


In questi luoghi si aggira il piacere e la necessità della mia solitudine, dove non è contemplata alcuna presenza umana e la mia stessa figura, pur presentita, non appare se non incorporeo desiderio di essere là, dove tutto è in perfetta consonanza col mio mondo immaginario.


                                                                                                                                             Tiziana Morganti

Sine tempore - 2022 - olio su tavola - cm 22x43

Villa dei Quintili - 2017 - olio su tavola - cm 19x51

L'eterna stagione - 2022 - olio su tavola -  cm 13x18

Ad vesperum - 2022 - olio su tavola - cm 20x40